16 dicembre 2018
Cerca  
 Digitalizzazione
 Internazionalizzazione
 Approfondimenti
 Links
 Eventi
 Newsletter 
 Formazione 
 Servizi 
 Contatti 
 Utilità 
 Archivio News 
 
 

Nasce Arlem - Assemblea Regionale e Locale Euro-Mediterranea

Sviluppo urbano e territoriale, decentramento, societÓ dell'informazione e sostegno alle piccole e medie imprese, sono i temi al centro del programma di lavoro del prossimo anno.

Image

 

 

Gli enti regionali e locali dello spazio euromediterraneo hanno proceduto a Barcellona alla messa in atto della loro assemblea comune in presenza del commissario europeo alla politica regionale, Pawel Samecki, del segretario di Stato spagnolo ┴ngel Lossada Torres-Quevedo rappresentante della presidenza dell'UE e del rappresentante della copresidenza - egiziana - dell'Unione per il Mediterraneo, Hamdi Sanad Loza, assistente del ministro degli affari europei.

L'ARLEM Ŕ stata dotata di due copresidenti: Luc van den Brande, presidente del Comitato delle regioni europeo, e Mohamed Boudra, sindaco di Al Hoceima, in Marocco. Un ufficio composto dal Wali (governatore) di Alger, Mohamed Kebir Addou, Ivan Jakovcic, governatore della regione Istria (Croazia), Michel Delebarre, sindaco di Dunkerque (Francia), Michel Vauzelles, presidente della regione francese di Provenza-Alpi-costa azzurra, del sindaco di Uszaka (Ungheria) e del sindaco di Greater Tafilah (Giordania).

Il Comitato delle regioni dell'UE si rallegra di essere giunto, al termine di una lunga mobilitazione, a creare questa struttura per farne un'istituzione comune aggiunta al segretariato generale dell'UpM alla stregua dell'assemblea parlamentare APEM. "L'ARLEM sorge oggi come struttura autonoma, ma ha lo scopo di servire l'UpM. ╚ per questo che chiediamo che appena l'UpM avrÓ portato a termine la sua struttura interna e la sua organizzazione, di poter contribuire ai lavori osservatori, fin dal vertice di Barcellona nel giugno 2010", afferma van den Brande.

Le comunitÓ locali e regionali richiedono di contribuire in modo strutturato alla concezione ed all'attuazione di progetti euromediterranei di cui molti dovrebbero avere un impatto sulla vita locale. Il copresidente marocchino, ha avuto il compito di presentare il programma di lavoro per l'anno prossimo, imperniato sullo sviluppo urbano e territoriale, il decentramento, la societÓ dell'informazione ed il sostegno alle piccole e medie imprese.

Il Sig. Boudra ha sottolineato che esistono "molte iniziative bilaterali a favore dello sviluppo, ma queste soffrono di una mancanza di coordinamento. Siamo convinti che, per essere durature le strategie nazionali dell'una e l'altra sponda del Mediterraneo devono rafforzarsi con la partecipazione degli enti locali e regionali nella definizione e l'attuazione delle strategie di cooperazione".

Il CdR richiede la necessitÓ di una rottura con il passato: "la nostra convinzione Ŕ che l'UpM non deve cadere nella trappola del processo di Barcellona, limitandosi alla diplomazia classica. Con tale constatazione, offriamo il contributo del nostro impegno sul campo, orientato verso la realizzazione di progetti concreti. La struttura da dare all'ARLEM Ŕ quella di un organo orientato verso il lavoro sul campo, che pu˛ funzionare indipendentemente dalla realtÓ politica internazionale", spiega il presidente del CdR.

I dibattiti, che hanno evidenziato la volontÓ di orientare l'UpM verso un'implicazione pi¨ forte degli enti locali e regionali nei processi decisionali euromediterranei non hanno tuttavia dato un'indicazione chiara sulla via da seguire: un approccio intergovernativo, come sembra deciso dai copresidenti dell'UpM e dalla presidenza semestrale (spagnola) dell'UE o un approccio pi¨ istituzionale che integri le azioni giÓ condotte nell'ambito delle strutture comunitarie. Dai vari interventi si evince una diffidenza nei confronti della Commissione Europea che non avrebbe mai concesso in passato "una condivisione delle responsabilitÓ".

fonte: SistemaPuglia

14/02/2010

 

© copyright 2001-2018 - Scint Lecce - Tutti i diritti riservati
 
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, infatti esso è espressione di un Centro Studi (Associazione senza fini di lucro denominata "SCINT") e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Il sito è curato e coordinato dallo Studio Associato D.&L., di Lecce.