mercoledì, 20 novembre 2019
Cerca  
 Digitalizzazione
 Internazionalizzazione
 Approfondimenti
 Links
 Eventi
 Newsletter 
 Formazione 
 Servizi 
 Contatti 
 Utilità 
 Archivio News 
 
 

La Regione Puglia vara una manovra anticrisi

La Regione Puglia ha approvato un pacchetto integrato di aiuti contro la crisi economica che prevede uno stanziamento pari a 355milioni 770mila euro. Un’azione che punta a raggiungere 3 importanti obiettivi:

  • incrementare l’attrattività del territorio
  • favorire nuovi investimenti in settori meno esposti alla crisi internazionale
  • sviluppare la cultura dell’autoimprenditorialità che garantisca un ampliamento della base produttiva regionale.

  • La manovra si compone di 2 regolamenti e 7 bandi.

  • Il regolamento "De minimis" – definisce il sistema di aiuti di piccola entità alle PMI. Un’azienda può richiedere fino a 200 mila euro a fondo perduto in 3 anni. Il regolamento garantisce alle imprese garanzie di credito su prestiti fino a 1,5 milioni di euro.
  • Il regolamento Start up – è finalizzato all’avvio di nuove attività. Prevede un finanziamento fino ad un massimo di 400mila euro per ogni microazienda, di cui 150mila destinati a strumenti e attrezzature (resterebbero al momento escluse le opere di ristrutturazione) e 250mila per stipendi, affitti, leasing, bollette e altre spese di funzionamento. I beneficiari sono tutte le persone che si trovano in situazioni di svantaggio, ovvero donne, giovani di età compresa tra 18 e 25 anni, precari fino all’età di 35 anni, giovani fino a 35 anni che nel biennio precedente hanno completato corsi di formazione finanziati o autorizzati dal pubblico, disoccupati di lunga durata, persone che stanno per perdere il posto di lavoro. Il regolamento, per il quale presto dovrebbero essere diffusi i relativi, sarà dotato di risorse per 50 milioni di euro.

    I 7 bandi che completano la manovra. Riguardano, nell’ordine:
    1. Contratti di Programma – destinati alle grandi imprese per incentivare investimenti industriali e ricerca. Lo stanziamento pubblico è pari a 130 milioni di euro.
    2. Programmi Integrati di Agevolazione (Pia) -
     l’intervento si rivolge a medie imprese e a consorzi di piccole e medie imprese. Intende incentivare iniziative industriali, di risparmio energetico, di ricerca, di servizi e di e-business. Lo stanziamento pubblico risulta di 88 milioni di euro.
    3. Ricerca -
     è indirizzato a favorire gli investimenti in questo settore da parte delle piccole e medie imprese. Disporrà di una dotazione pubblica di 28 milioni di euro.
    4. Internazionalizzazione -
     a questo ambito sono destinati il quarto, quinto e sesto bando. Finanzia la promozione all’estero di consorzi agroalimentari, turistico-alberghieri e manifatturieri. Saranno a disposizione fondi pubblici per 9 milioni di euro (3 per ogni tipologia di consorzio).
    5. Contrastare l’usura - l’ultimo bando prevede un intervento in favore dei Confidi e delle Fondazioni impegnati nella lotta all’usura, che avranno a disposizione 770mila euro.

  • Fonte: Spazioimpresa.biz

     

    09/12/2008

     

    © copyright 2001-2019 - Scint Lecce - Tutti i diritti riservati
     
    Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, infatti esso è espressione di un Centro Studi (Associazione senza fini di lucro denominata "SCINT") e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
    Il sito è curato e coordinato dallo Studio Associato D.&L., di Lecce.