sabato, 14 dicembre 2019
Cerca  
 Digitalizzazione
 Internazionalizzazione
 Approfondimenti
 Links
 Eventi
 Newsletter 
 Formazione 
 Servizi 
 Contatti 
 Utilità 
 Archivio News 
 
 

Le nuove sfide del Marketing: il Digital Marketing - seminario di Oltrelinea -

Le sfide del Marketing Digitale

Il Consorzio Oltrelinea è una affermata realtà nazionale che ha avuto l'intuizione di aggregare realtà attive nel mondo della Comunicazione, puntando a sviluppare un modello tipicamente aziendale - in questo caso consortile - applicato in forma innovativa al contesto degli esperti e dei "portatori di know-how". SCiNT ha il piacere di collaborare spesso con Oltrelinea e proprio grazie a questo progressivo ma intenso percorso di avvicinamento vede sempre più convergere l'attenzione e la concentrazione di professionisti su temi che gravitano intorno a quel paradigma per noi così importante e profetizzato "nel lontano 2000" che risponde all'espressione: "ICT&Internazionalizzazione".

Oltrelinea ha organizzato un seminario di formazione interna (un plauso da parte nostra al modello di comunicazione e aggiornamento rivolto, prima di tutto all'interno dell'organizzazione aziendale!) dedicato agli scenari in evoluzione del Marketing: in un contesto particolarmente affascinante, qual'è la sede delle "Manifatture Knos", esempio di archeologia industriale recente, si è fatto il punto su una tematica per i più avanzata, ma ormai molto più spesso di quanto si pensi, ampiamente diffusa e vicina a noi: il Digital Marketing.

Vediamo di cosa si tratta.

- Seminario Oltrelinea del 9 gennaio 2008 -

"La Rete,  più specificatamente il Web 2.0, ha rivoluzionato e messo in discussione i tradizionali strumenti di comunicazione offline. Il Marketing digitale rappresenta la nuova leva strategica, capace di creare valore e costruire una relazione emozionale ed esperienziale a lungo termine con il proprio pubblico". Queste le considerazioni scaturite dal seminario sul Digital Marketing, uno degli appuntamenti targati RING, tenutosi ieri a Lecce, che ha avuto come protagonista la dott.ssa Maria Teresa Salvati, senior account dell'agenzia londinese Wunderman.

Il marketing digitale può offrire quindi la possibilità di  rafforzare l'immagine di marca, raggiungere e conquistare nuovi clienti, intrattenerli e favorire il coinvolgimento di nuovi utenti. Ciò ha costretto molte aziende a cambiare rotta, ponendo maggiore attenzione all'engagement del consumer online e alla definizione del marketing budget."


Durante il seminario sono stati analizzati i nuovi trend del mercato europeo e le principali piattaforme tecnologiche di social networking (My Space, Facebook e YouTube) utilizzati da aziende conosciute a livello mondiale per testare il successo delle proprie applicazioni di intrattenimento online.

 Il Digital Marketing rappresenta un fenomeno che sta cambiando le regole del gioco nel rapporto tra aziende e fruitori della rete. Una nuova leva strategica, che nello scenario attuale, si muove ancora nell’ambito della sperimentazione, un terreno dove non esistono regole certe e quelle che esistono non sono per forza l’espressione diretta del marketing tradizionale.

Sul suolo europeo è l’Inghilterra ad aver assunto il ruolo di apripista per alcuni di questi trend in atto. Quel che sta accadendo in terra britannica rappresenta infatti per noi il futuro prossimo ma, contemporaneamente, anche il presente per alcune grandi aziende italiane. Eclatante è il caso di “Intimissimi”, esempio di creazione di un marchio associato al cinema e dimostrazione lampante di una tendenza a creare branded entertainment.

Quello che da noi è un caso isolato, nel Regno Unito è realtà sostanziale. Partendo da un dato statistico di sicuro effetto e su cui gli esperti stanno lavorando: OltreManica dieci milioni di persone appartengono ad un social network, i più grandi dei quali sono
MySpace, Facebook e YouTube. E a rafforzare questo dato ne arriva un altro a sostegno, forse ancora più incisivo e incidente: nel Regno Unito c’è ormai più gente collegata online che seduta davanti ad un schermo televisivo. Gli addetti ai lavori attribuiscono gran merito di questo sorpasso a Web 2.0, un insieme di tecnologie che permette lo scambio d’informazioni, realizzando di fatto per gli utenti la possibilità di creare contenuti, personalizzarli, scambiarsi info, connettersi con i propri “simili”.

Questi trend insieme con le nuove tecnologie aprono le porte ad opportunità che le aziende iniziano a sfruttare a proprio vantaggio, se usati in maniera opportuna e analizzati con regole nuove, ben differenti dal marketing tradizionale propriamente inteso.

La sfida per le aziende adesso è diventata infatti la capacità di costruire prodotti online che risolvano un problema o siano d’intrattenimento. Al tempo stesso la bravura nel creare contenuti interessanti e distribuirli in maniera molto veloce. Al proposito si può usare come riferimento la crescita esponenziale del viral marketing. Anche non parlare più di pubblicità o marketing bensì di cultura è diventato strategico, esattamente come l’abilità nell’individuare ed esplorare terreni mai utilizzati dagli altri competitors.

All’interno di questa nuova arena digitale si configurano due diversi e distinti ruoli per le aziende: creatori o facilitatori.

Creatori sono le aziende che decidono di uscire fuori dal recinto del proprio core business tradizionale, offrendo contenuti totalmente diversi al pubblico. Alcuni esempi importanti sono quelli di Vodafone e Ford col calcio, di Visa e Land Rover col rugby, Intimissimi col cinema. I prerequisiti per essere credibili devono essere l’autorità, la conoscenza e l’unicità.

Facilitatori sono invece le aziende che decidono di estendere il core business tradizionale e di possedere uno spazio ulteriore che sia comunque naturalmente associato alla propria attività. I facilitatori sono organicamente credibili. Gli esempi mondiali più evidenti sono
Nike+ con iPod che hanno creato un sito per i corridori, Huggies che ha creato un sito di storie per bambini, FYI Magazine  che è un magazine interattivo per le teenagers creato da Nivea Visage.

Fonte: OltrelineaNews. Infos. su www.gruppoltrelinea.com -

 

11/01/2008

 

© copyright 2001-2019 - Scint Lecce - Tutti i diritti riservati
 
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, infatti esso è espressione di un Centro Studi (Associazione senza fini di lucro denominata "SCINT") e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Il sito è curato e coordinato dallo Studio Associato D.&L., di Lecce.